back to top

20090520

DARKEST HOUR - DELIVER US (2007)


Viva la Scandinavia! Terra fredda del metal! Il gruppo in questione (che avevo promesso di postare) non è scandinavo bensì americano (quindi viva l'America), ma si rifà totalmente alle sonorità death metal della fredda penisola. Oserei dire che sono meglio loro che gli infiniti gruppi melodic death nordici. E questo perché? Perché non vi trovate di fronte al prodotto tipico alla In Flames, Arch Enemy (che sono inglesi però il chitarrista è Ammoth dei Carcass, e più nordici di loro si muore) o At the Gates (che sono i capi estremi), ma davanti a pura melodia! Cioè hanno scarnificato dal metal la brutalità e l'hanno rimpiazzata con una melodicità magnifica (e tecnicissima). Quindi non vi parlo di voce (che comunque accenna ogni tanto a qualche linea melodica), ma di chitarre splendidamente suonate. E poi live hanno un impatto distruttivo totale (anche se sono tutti secchi e bassi (apparte il già citato bassista con la maglietta dei La Crisi)). Non c'è da aspettarsi quindi il tipico gruppo borchie/capelli lunghi/barba lunga/satana. Cioè ci stanno i capelli lunghi e la barba, ma è diverso. In sostanza è un magnifico disco che spero sappiate apprezzare (anche se non so quanti di voi stanno in fissa col metal..). Almeno provateci perché ne vale la pena.

01. Doomsayer (the beginning of the end)
02. Sanctuary
03. Demon(s)
04. An ethereal drain
05. A paradox with flies
06. The light at the edge of the world
07. Stand and receive your judgement
08. Tunguska
09. Fire in the skies
10. Full imperial collapse
11. Deliver us

;)

1 commento:

Freds ha detto...

bomba assoluta, e come dice angioletto: "i darkest hour so punk abbestia, guardali!"

Related Posts with Thumbnails