back to top

20111230

PLAYLIST 2011 (robertotad)

Allora, i dischi (cd, ep tutto) del 2011 belli secondo me:

- Crash of Rhinos - Distal. Probabilmente la cosa più bella:




- Earth - Angel of Darkness, Demons of light 1. Saggezza musicale:






- Battles - Gloss Drop. Gelato al gusto di matematica:




- Raein - Sulla Linea Dell'Orizzonte Tra Questa Mia Vita E Quella Di Tutti. Orgoglio nostrano, perla della letteratura italiana:




- Gazebo Penguings - Legna. Sebbene il vinile suoni malino, hanno portato pomeriggi di gioia nel 2011:




- Do Nascimiento - Do Nascimiento. Indossavo la loro maglietta nel video di "La Drogue" quindi li ringrazio altrimenti avrei avuto freddo:




- Verdena - Wow. Non sono mai stato fan accanito ma sto disco è bello, non da Verdena:




- Paolo Spaccamonti - Buone Notizie. Favolosi loop di chitarra, sorpresa e scoperta italiana dell'anno:




- Some Skeletons - Kypes/Pests/Throats. Nuova fissa emo inglese,primo ep, alè:



- Gods and Queens - Untitled 3 (ep2). Gruppo fico ma più sfortunato di questo 2011, sludge punk rock:





- J Mascis - Several Shades of Why. Un capo dell'indie per un indie punto a capo:




- Mogwai - Hardcore will never die, but you will. Il secondo disco con la traccia da 23 minuti vale la carriera dei Mogwai:



- Monotonix - Not Yet. Sebbene ascoltarli in casa non è nulla in confronto a vederli sfasciare i locali dove suonano, meritano l'olimpo dell'anno:




Le scoperte del passato musicale!:

- Helios - Eingya. Semplicemente musica oggettivamente bella fatta da un bravo ragazzo.

- Hot Snakes - Adult in progress. Viva viva il post punk.

- Master Musicians of Bukkake - Totem One. La musica del mondo a casa tua.

- Pissed Jeans - King of Jeans. Disagio.

- Toe- For long tomorrow. Matematica al gusto di gelato giapponese.

- Japandroids - Post-Nothing. Due ragazzi diciotto cuori.

- Adebisi Shank - This is the second album of a band called Adebisi Shank. Matematica sì , ma anche geometria, fisica storia, geografia ed educazione tecnica.

- Torche - Healer/Across the shields. La melodia fatta ruvida.

- Caso - Dieci Tracce. Il cantautorato italiano ha incredibilmente ancora qualcosa da dire.


Come al solito ci sarebbe altro ma un po'la non voglia di continuare, un po'il fatto che basta spulciare le recensioni di quest'anno e capirete cosa ci/mi/vi piace, mi induce a chiuderla qua. Ci annusiamo dopo.

Ah me so dimenticato i Verme, vabbè tanto li ha messi pure andrea e sapete che piacciono a tutti. Ah ovviamente io suono in gruppi che mi piacciono.

1 commento:

xandreax ha detto...

è fico che più o meno condividiamo tutti almeno il 50% delle top

Related Posts with Thumbnails