back to top

20110905

THRICE - "THE ARTIST IN THE AMBULANCE" 2003

"The artist in the ambulance" è uno dei migliori esempi di quel genere musicale che andava per la maggiore tra il 2000 e il 2005. Una specie di alternative rock/metal/conquelchestrilloognitanto/nu-metal che in molti usavano etichettare Emo-qualcosa, potendo contare sulla confusione generata da una delle categorizzazioni più insensate della storia della musica (per lo meno dopo il '98). Come molti sapranno quel periodo era fondamentalmente lammerda® (si, sto parlando degli Story of the year) ma qualche figata c'era: Glassjaw, Thursday,Brand New... gruppi che fanno roba buona[dai] tutt'ora, tra l'altro. I Thrice erano (sono, mi sento all'interno di un paradosso temporale, ma qui parliamo di album) tra i migliori della scena. I primi dischi erano riffetti-simpatia, quelli dopo roba sperimentale-manco troppo, questo è decisamente di mio gradimento. Alla fin fine parliamo di rock americano accordato in Drop D, aggressivo il giusto, accompagnato da tante belle aperture e una voce che, almeno secondo me, rompe diversi culi (per lo meno su disco). Molto bene [cit.]




Tracklist:

  1. "Cold Cash and Colder Hearts" – 2:52
  2. "Under a Killing Moon" – 2:41
  3. "All That's Left" – 3:20
  4. "Silhouette" – 3:06
  5. "Stare at the Sun" – 3:23
  6. "Paper Tigers" – 3:59
  7. "Hoods on Peregrine" – 3:31
  8. "The Melting Point of Wax" – 3:29
  9. "Blood Clots and Black Holes" – 2:49
  10. "The Artist in the Ambulance" – 3:39
  11. "The Abolition of Man" – 2:46
  12. "Don't Tell and We Won't Ask" – 3:59

1 commento:

xandreax ha detto...

molto molto bene.

Related Posts with Thumbnails